Rimborso Spese Sanitarie

La struttura Assistenza Sanitaria Indiretta permette all’utente di ottenere dalla propria ASL di residenza il rimborso delle spese sanitarie o un contributo sulle spese sostenute per viaggio/soggiorno.

Terapie/prestazioni che possono ottenere rimborso e/o contributo sulle spese sostenute sono:

  • terapia dialitica: sono rimborsate le spese di viaggio per raggiungere i centri dialisi, le prestazioni di dialisi ambulatoriali effettuate temporaneamente presso case di cura private non accreditate fuori regione, o di altri stati, o territorio navigante. Viene riconosciuto inoltre, nei casi di dialisi domiciliare, un contributo annuo rivalutabile in base al tasso di inflazione programmato.
  • trapianti d’organo: rimborso spese di carattere non sanitario a favore di pazienti in attesa di trapianto d’organo, dei trapiantati e dei donatori: vengono rimborsate le spese di viaggio e soggiorno come previsto dalla L. R n° 41/2002 e successive integrazioni.
  • terapia radiante: rimborso, ai pazienti affetti da patologie neoplastiche, delle prestazioni ambulatoriali di terapia radiante usufruite presso strutture private autorizzate non accreditate quando i tempi di attesa nelle strutture pubbliche e private accreditate non sono compatibili con il piano terapeutico. Il rimborso, su preventiva autorizzazione della ASL di residenza, è erogato in base alle tariffe previste dal vigente nomenclatore tariffario per la specialistica ambulatoriale.
  • pazienti in stato di coma: erogazione di contributo per sostenere l’impegno assistenziale della famiglia in occasione del ritorno al proprio domicilio del paziente assistito in unità ad elevata intensità assistenziale (L.R. n° 29/2003). L’entità del contributo è variabile in base al reddito complessivo del nucleo familiare.
  • cure all’estero in centri di altissima specializzazione (vedi nel dettaglio il paragrafo corrispondente).
Documentazione da presentare per ottenere tali rimborsi
  • Per la terapia dialitica: domanda di rimborso – fotocopia doc. d’identità – certificato rilasciato dal centro dialisi attestante il numero delle prestazioni dialitiche effettuate. Il riconoscimento del contributo per le spese di viaggio è previsto nei casi di:
  • trasporto mediante auto privata
  • trasporto mediante auto utilizzata da altri
  • trasporto mediante auto pubbliche
  • trasporto mediante mezzo collettivo organizzato da cooperative, società, associazioni ecc., abilitate al servizio, di cui l'utente potrà avvalersi consultando l'elenco delle organizzazioni istituito dall'Azienda USL (DCA n. U000441/2014)
  • trasporto mediante ambulanza. In questo caso il rimborso è totale della spesa sostenuta. Per ottenere il rimborso occorre presentare attestazione del medico che il paziente non è in grado di deambulare e fattura dell’avvenuto pagamento.
  • Per trapianti di organo: domanda di rimborso – fotocopia doc. d’identità – documenti in originale attestanti le prestazioni sanitarie effettuate e le spese sostenute per viaggio, vitto e alloggio.
  • Per terapia radiante: domanda di rimborso – fotocopia doc. d’identità – prescrizione oncologica attestante la necessità di terapia e l’impossibilità di effettuare il trattamento in tempi rapidi – piano terapeutico di radioterapia – fatture in originale della terapia effettuata.
  • Per pazienti in stato di coma: domanda di rimborso – fotocopia doc. d’identità
Rimborso per cure all'estero presso CENTRI di ALTISSIMA SPECIALIZZAZIONE
Rimborso spese di viaggio
Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.